Auguri KIMI

17/10/2019

 

In un mondiale che ha ormai poco da dire ma che probabilmente regalerà alla Ferrari qualche altra vittoria, vorrei scrivere due righe per celebrare i 40 anni di Kimi Raikkonen.

 

Kimi è uno dei migliori personaggi espressi dalla F1 moderna: genuino, schietto, uomo corretto e team player. Sotto quest’aspetto, a mio avviso, è di gran lunga superiore ad Alonso (altro campione della sua generazione).


Come pilota invece per me Kimi è sempre stato un mistero. E’ sicuramente un pilota dotato del cromosoma della velocità, a mio parere, più talentuoso di Nico Rosberg ma spesso discontinuo per essere considerato un grandissimo del motorsport.


Infatti ha sempre alternato prestazioni superbe a periodi di grigiore e normalità. Questa discontinuità gli ha fatto perdere il mondiale del 2008 (che dopo 4 gare sembrava già suo) e, molto probabilmente, il posto in Ferrari nel 2010.


Detto questo, essendo il suo quarantesimo compleanno, vorrei ringraziarlo per quanto ha fatto per la Ferrari, per il suo mondiale del 2007 e, soprattutto, per la sua ultima vittoria: Austin 2018.


In quella gara, con un mezzo non superiore a Mercedes e Red Bull Renault, vinse davanti a Hamilton e Verstappen (il campione di oggi e quello di domani) ed al suo compagno di squadra Sebastian Vettel.


Era lo scorso anno, aveva 39 anni.

Grazie ed auguri KIMI


© Riproduzione riservata