F1 2020: Gp Inghilterra 70°. Davide e Golia

Ha vinto Davide (Verstappen su Red Bull Honda) contro Golia (Mercedes).

E’ vero che “una rondine non fa primavera” ma è bello sperare e crederci ancora. Onestamente dopo il GP di Ungheria avevo perso ogni speranza, ma il “dio delle corse” ce la sta mettendo tutta per rendere questo mondiale un po’ più interessante. Ho così deciso di riprendere a scrivere di F1 su questo Blog.

Peccato non sia la Ferrari a vestire i panni del team sfidante, ma il palese deficit di potenza del motore Ferrari 2020 non le consentirà di esserci per quest’anno (salvo miracoli…). In una pista come quella di Silverstone hanno guidato con auto completamente scarica ma hanno raggiunto dei buoni/ottimi risultati con Leclerc. Il ripetersi di buone prestazioni con gomme diverse, significa che la macchina è sana in termini aerodinamici. Ieri addirittura Leclerc, nonostante fosse partito ottavo, è arrivato al traguardo quarto con meno di 30 secondi da Red Bull e Mercedes (con 3 giri di rallentamento finale a gestire la gomma che sono equivalsi ad un pit stop). Lo scorso anno con un “supermotore” ed una migliore posizione in griglia, la distanza in tempo a fine gara era quasi doppia. A mio modesto avviso, le mancano “solo” 60/70 cavalli.

Altra cosa chiara è che la Ferrari deve seguire Leclerc per lo sviluppo tecnico e realizzare una macchina che si addice al suo stile di guida. Vettel ormai è un separato in casa e la sua guida in pista nel corso di questa stagione dimostra come stia li solo “per contratto” senza dare quell’extra performance che tutti si aspettano da un ex-campione del mondo. Fossi in Binotto, lo liquiderei subito (sfruttando la brutta prova di ieri), riprenderei Kimi per questi ultimi gran premi 2020 visto che l’Alfa Romeo potrebbe affidare a Robert Kubica (terzo pilota) il suo sedile. Valuterei anche la candidatura di Hulkenberg. Entrambi non farebbero peggio del Vettel di questa stagione.

Per quanto riguarda “Davide” (la Red Bull di Verstappen), in Red Bull devono ringraziare la superba guida di Max osservando che avrebbero probabilmente 8 punti in più dopo l’errore di strategia commesso nel GP di Inghilterra di domenica scorsa (cambio gomme a pochi giri dalla fine completamente non necessario). Devono anche ringraziare la Honda che, dopo anni durissimi, ha realizzato quello che può essere considerato il secondo miglior motore del campionato F1 2020.

Soffermandoci su “Golia”, la Mercedes, il vantaggio tecnico che hanno è evidente. Stranamente sono tornate ad avere un super motore (cosa che non accadeva lo scorso anno). Curioso osservare che questo impulso di prestazioni si è verificato dopo che la FIA ha “studiato” il motore Ferrari 2019, aggiornando di conseguenza il regolamento tecnico per il mondiale 2020. L’applicazione di questa modifica regolamentare ha di fatto penalizzato le performance del team di Maranello esaltando quelle del team tedesco.

Altra cosa evidente è che negli ultimi 2 GP, entrambe le Mercedes hanno avuto problemi di durata delle gomme. Nel Gp di domenica scorsa si era parlato di detriti in pista (anche se stranamente hanno colpito entrambe le loro auto). Nel GP di ieri è emerso che la macchina, in una pista ad alta velocità come quella di Silverstone, logori velocemente le gomme. Questo fenomeno si amplifica se si utilizzano mescole morbide con pressioni di esercizio elevate.

Forse c’è una luce in fondo al tunnel di questo mondiale F1 2020.

Alla prossima.

© Riproduzione riservata