F1 2021: Bravo Stefano!

Giovedì 11 Febbraio si è tenuto un importante incontro della “F1 Commission” dove sono state concordate all’unanimità le linee guida per lo sviluppo della F1 dal 2022 in avanti. Le parti coinvolte in questa “F1 commission” sono la FIA (ente regolatore del motorsport), i team partecipanti al mondiale di F1 e gli organizzatori del campionato di F1 capitanati da Stefano Domenicali.  

I risultati raggiunti in questo incontro sono tre e tutti molto importanti per il futuro della F1 e sono:

1] Tutti i team hanno concordato di congelare lo sviluppo del motore ibrido attuale a partire dal 2022. Questo permetterà a Red Bull e Toro Rosso di continuare ad utilizzare il motore Honda fino al 2025 (dovendo solo assemblarne le parti) e contestualmente consentirà a tutti gli altri motoristi di azzerare i costi di sviluppo degli attuali motori ibridi. Quest’ultimi (Mercedes, Renault, Ferrari ed Honda) quindi si concentreranno durante questo 2021 a massimizzare le prestazioni del proprio motore in vista del successivo congelamento per almeno tre anni. Non è stato affrontato il tema del Balance of Performance che consentirebbe di livellare le prestazioni dei motori dal 2022 in poi qualora si dovessero rilevare differenze di prestazioni eccessive tra i propulsori come quelle a cui abbiamo purtroppo assistito negli ultimi sette anni. Su questo tema sono sicuro ci saranno ulteriori chiarimenti e sviluppi. La F1 non sopravvivrà ad altri lunghi periodi di predominanza di un singolo team. 

2] Definizione delle linee guida per un nuovo motore a partire dal 2025. Il primo passo è stato quello di definire un altro “working group” costituito da professionisti provenienti dalla FIA, dagli organizzatori della F1 e dagli attuali e potenziali futuri produttori di motori e carburanti. Questo è un passo importante per sottolineare il nuovo clima di collaborazione che si è stabilito tra queste tre “anime” della formula 1 solitamente in forte contrasto su questi temi.

Sono stati anche stati concordati 5 obiettivi per lo sviluppo del nuovo propulsore. Eccoli: La tecnologia utilizzata deve essere sostenibile e utile per la produzione di serie dei costruttori coinvolti; Dovrà utilizzare dei combustibili ecologici e sostenibili; Non dovrà essere costoso da sviluppare e costruire; Dovrà essere “attraente” per molti costruttori; Dovrà essere potente e capace di far emozionare. Tra tutti questi obiettivi, i principali per la FIA sono: la riduzione dei costi e Zero impatto ambientale. Vedremo cosà effettivamente nascerà da queste nobili intenzioni. 

3] Apertura a larga maggioranza all’introduzione di una fase di test per un nuovo format di qualifica. E’ stato quindi incaricato un altro working group per formulare una proposta ed un piano di implementazione di questi test da approvare prima dell’inizio del mondiale 2021. Approfondiremo questo tema quando avremo elementi di valutazione più concreti. Effettivamente non trovo più grande interesse nell’attuale format di qualifica. Se voglio proprio vedere le prove, mi basta guardare la Q1 negli ultimi 10 min. Penso sia giunto il momento di organizzare qualcosa che desti maggiore attenzione nel pubblico.  

Torniamo al titolo, cosa c’entra Stefano Domenicali, in tutto questo? Sicuramente, essendo il CEO di Liberty Media, questi risultati sono frutto anche del suo personale coinvolgimento e sono convinto che sia stato un elemento chiave nel raggiungere quello spirito collaborativo essenziale per il conseguimento di obiettivi così importanti. A titolo di esempio citerei la sua dichiarazione alla stampa precedente all’incontro di Giovedì 11, sull’eliminazione della “griglia invertita” come espediente per dare più spettacolo. Questa è stata una importante concessione utile in una negoziazione a placare degli animi piuttosto bellicosi facendoli così concentrare sugli aspetti più importanti di questo business che sono: creare uno spettacolo di alto livello a costi sostenibili.

Ma ci sono altre cose che mi sono piaciute in queste prime settimane della sua gestione: in primis, la reintroduzione di Imola e Portimao anche per la stagione 2021 in modo da sopperire la cancellazione di alcuni GP asiatici. Decisioni opportune prese con grande velocità. Imola e Portimao sono infatti due tracciati che hanno offerto nel 2020 gare interessanti e spettacolari in grande sicurezza (cosa che purtroppo non possiamo affermare per il Mugello).

Infine, ho trovato molto opportuna la lettera che ha mandato a tutti i piloti della F1 ed al presidente della Grand Prix Driver Association (GDPA) Alexander Wurz ricordando loro di avere delle grandi responsabilità pubbliche che li deve portare a comportarsi sempre come dei modelli di riferimento. I piloti sono quindi stati invitati ad una riunione da tenersi prima del GP di Bahrain dove verrà chiarita l’importanza del loro ruolo al di fuori dell’attività in pista e quali linee comportamentali Liberty Media si aspetta da loro.

A tal proposito vorrei sottoporre alla vostra attenzione (e a quella di Domenicali) il seguente comportamento di ESTEBAN OCON pilota ufficiale del team Alpine. Nel video del link qui sotto troverete una gara online sulla piattaforma GranTurismo Sport ripresa in diretta streaming dallo YouTuber “TheKie25”. Esteban Ocon corre con il suo PlayStationID "E031Ocon" su una vettura formula con la livrea del team Renault dello scorso anno.

Il segmento video che vedrete è quello anticipato su FaceBook ed Instagram e si trova esattamente ad 1 ora 40 min e 15 sec e dura circa 30 secondi. Di fatto Ocon parteciperà a due gare consecutive di circa 20 minuti ciascuna. Per chi fosse interessato a vederle integralmente e farsi un idea precisa del suo comportamento online, esse occupano il tratto di video che inizia ad 1 ora 36 min. 20 secondi e finisce a 2 ore e 30 min. Ecco il link:

https://www.youtube.com/watch?v=PF0gMyTdJ_0&t=6192s

Pensate che Esteban si sarebbe comportato nello stesso modo se avesse corso fisicamente insieme agli altri in un racing center come Drive Gym? Sicuramente avrebbe dovuto giustificarsi con gli altri piloti a fine gara, ed è proprio questa la differenza sostanziale che rende le gare face to face un esperienza qualitativamente superiore alle gare online.

A presto!

 

© Riproduzione riservata