Il gioco delle coppie: Perez vs Stroll

19/02/2020

 

Oggi a Barcellona hanno cominciato a girare le F1 2020, ma la notizia che continua a catturare l'attenzione dei media è lo spostamento a data da destinarsi del Gran Premio di Cina causa corona virus. Probabilmente verrà cancellato del tutto. Altra notizia degna di rilievo è la presentazione del nuovo sponsor Mercedes che così tinge di rosso qualche area della sua nuova monoposto grazie alla partnership quinquennale appena firmata con la manifatturiera del settore petrolchimico la Ineos mettendo così fine alle voci di un possibile abbandono da parte del team tedesco.

Sempre in trepida attesa del primo gran premio della stagione, proseguo quindi con il nostro gioco delle coppie soffermandosi sul confronto tra i due piloti della scuderia Racing point e futura Aston Martin.

 

Il rendimento della Racing Point nel 2019 è stato leggermente superiore a quello dello scorso anno (stessa posizione ma con più punti), ma avrebbe potuto fare meglio se Stroll avesse contribuito di più (infatti Toro Rosso e Renault l'hanno preceduta di pochi punti in classifica generale) . Il rendimento dei due piloti ha visto infatti un Perez particolarmente efficace per tutta la stagione ed uno Stroll più in difficoltà rispetto al compagno sotto vari punti di vista.

 

In prova, infatti, registriamo una schiacciante superiorità di Perez con un 18 a 2 in suo favore. Inoltre Perez è stato mediamente più veloce di circa 0,300 secondi.

 

Il confronto tra le posizioni finali in gara è stato ancora favorevole a Perez che, nelle gare dove hanno gareggiato insieme, è arrivato 14 volte davanti a Stroll (che invece l'ha preceduto solo in 3 occasioni). Anche osservando i giri effettuati davanti al compagno di squadra, Perez batte Stroll 783 a 345. Questi numeri sottolineano impietosamente il rendimento mediocre di Stroll rispetto al suo compagno nel corso di tutta la stagione. Stranamente il miglior risultato del team è però arrivato da Stroll al gran premio di Germania dove Perez è uscito nei primi giri commettendo uno dei pochi errori di questa sua stagione.

La classifica a punti parla chiaro con un sonoro 52 a 21 a favore di Perez.

 

In conclusione: anche in questo confronto, la classifica rispecchia a pieno il rendimento dei due piloti nel corso della stagione dove Perez ha dominato il compagno sotto tutti gli aspetti (giro secco, ritmo gara, strategie).

La diciottesima posizione di Stroll nella mia classifica personale è dovuta essenzialmente al fatto che, pur essendo al suo terzo anno di F1, Stroll non mostra segni di crescita ed il confronto con un compagno di squadra molto forte ha amplificato questa tendenza. L'unica nota positiva è il record del maggior numero di posizioni guadagnate in partenza nel primo giro in tutta la stagione: è l'unico pilota ad averne guadagnate 40 (ma il secondo migliore è stato proprio il suo compagno Perez con 30).

Di Perez non posso che parlar bene. Anche quest'anno ha battuto il suo compagno di squadra. In dettaglio, nelle ultime cinque stagioni ha battuto 2 volte Hulkenberg, 2 volte Ocon (anche se nella seconda stagione ha fatto un pò di fatica) ed 1 volta Stroll. Commette sempre pochi errori, è sempre veloce sia in prova che in gara e probabilmente sa anche dare le indicazioni giuste per indirizzare i tecnici nello sviluppo dell'auto. Infine, è uno di pochi piloti ad avere un contratto di lungo periodo fino al 2022 con un team di ottime prospettive (Racing Point - Aston Martin).

Per Lui un meritato settimo posto nella mia classifica personale dietro a Ricciardo per il semplice fatto che quest'ultimo lo ha superato di due punti nella classifica generale piloti con un auto (la Renault) dalle prestazioni equivalenti alla Racing point.

 

 

 

© Riproduzione riservata