Il gioco delle coppie: Raikkonen vs Giovinazzi

08/02/2020

 

Mentre la formula 1 inizia la tradizionale settimana di presentazione delle nuove vetture che parteciperanno al mondiale 2020 (la prima è stata la Haas), due sono le notizie importanti di questi ultimi giorni: l'ufficializzazione della trasformazione del team Racing Point in Aston Martin a partire dal 2021 (quest'anno non si poteva dato il contratto di sponsorizzazione in essere con Red Bull) e l'altra riguarda ancora Alonso che ricevuto un secco no da parte dell'Honda a partecipare a qualsiasi gara del campionato Indy nei teams da loro motorizzati (tra cui il team Andretti con cui Alonso era in trattativa). Della serie: "chi semina vento raccoglie tempesta".

Per ingannare l'attesa fino al 15 Marzo (primo GP della nuova stagione), proseguo quindi con il nostro gioco delle coppie soffermandosi sul confronto tra i due piloti della scuderia Alfa Romeo.

 

Il rendimento della Sauber Alfa Romeo nel 2019 è stato leggermente migliore di quello dello scorso anno, ma è stato caratterizzato da un finale di stagione un pò in calando. Il rendimento dei due piloti invece ha avuto una dinamica completamente diversa. Infatti abbiamo visto un Kimi particolarmente efficace nella prima metà della stagione (soprattutto in gara dove ha portato parecchi punti al team) ed un Giovinazzi che invece è emerso nella seconda parte (pagando lo scotto iniziale di due anni fuori dalle competizioni).

 

Per quanto riguarda il confronto delle prestazioni in prova tra i due piloti, registriamo una sostanziale parità con un 10 a 9 in favore di Kimi. Tuttavia và osservato che il gap in tempo tra i due piloti è stato praticamente nullo.

 

Il confronto tra le posizioni finali in gara è invece stato nettamente favorevole a Kimi che nelle gare dove hanno gareggiato insieme, è arrivato 16 volte davanti a Giovinazzi (che invece ha preceduto Kimi solo 2 volte). Anche osservando i giri effettuati davanti al compagno di squadra, Kimi batte Antonio 882 a 305. Questi numeri sottolineano impietosamente la cattiva partenza di stagione di Giovinazzi che però ha saputo migliorare il suo rendimento nella seconda metà di stagione quando però l'auto non era più così performante come ad inizio anno. Ciò ha contribuito ad amplificare ulteriormente la differenza di punteggio tra i due.

 

Infatti la classifica a punti parla chiaro con un sonoro 43 a 14 a favore di Kimi.

 

In conclusione: anche nel caso di Kimi e Antonio, la classifica piloti rispecchia a pieno il rendimento dei due piloti nel corso della stagione dove però sottolineiamo che Giovinazzi è stato capace di chiudere in modo significativo le distanze col suo compagno da Settembre in avanti.

La diciassettesima posizione di Giovinazzi nella mia classifica personale è motivata dai seguenti fattori: in primo luogo il suo è stato un vero e proprio debutto in F1 dopo un significativo periodo di inattività. Poi, ha avuto in Kimi un compagno di squadra molto forte ed esperto (ex campione del mondo) che ad inizio stagione è stato particolarmente brillante. Nonostante tutto però, da Monza in poi, non è stato più inferiore a Kimi anche in gara (in prova i due si sono sempre equivalsi). Degno di nota anche il fatto che la sauber Alfa Romeo proprio con Giovinazzi a Singapore è stato l'unico team a compiere dei giri in testa al di fuori delle tre squadre di vertice. Questo trend mi fà essere moderatamente ottimista sulla sua futura carriera in F1 ed ho voluto premiarlo con una posizione migliore rispetto a quella di Stroll (di cui parleremo nella prossima puntata).

Di Kimi dico solo che quest'anno è stato ancora sorprendente così come lo è stato nel finale di stagione 2018. Peccato che negli ultimi tre mesi, quando la macchina non era più così competitiva, ha tirato un pò i remi in barca (ma anche questo l'abbiamo visto abbastanza spesso nell'arco della sua lunga carriera). Per Lui un meritato decimo posto nella mia classifica personale.

 

 

 

© Riproduzione riservata